Prorogata la mostra a Casa Saraceni “Nuovo fregio di gloria”. Acquisizioni d’arte per la storia di Bologna (2016-2018)

 

È stata prorogata fino al 29 luglio 2018 l’esposizione a Casa Saraceni, sede della Fondazione Carisbo (via Farini, 15 – Bologna), dedicata alle dodici opere d’arte acquistate nel periodo 2016-2018. Alla base dei criteri adottati nella scelta delle opere permane l’attenzione al recupero del patrimonio artistico legato alla storia culturale di Bologna e del suo territorio, con il fine di evitarne la dispersione e salvaguardarlo dal degrado. Alcune delle opere esposte, realizzate da artisti bolognesi, provengono da Case d’Asta celebri quali Sotheby’s a Londra e Dorotheum a Vienna: le vedremo ora restituite alla città, restaurate e valorizzate. Le acquisizioni e la direzione scientifica della mostra sono state curate da Angelo Mazza, Conservatore delle Raccolte d’Arte della Fondazione.

Tra i quadri più significativi presentati negli spazi espositivi di Casa Saraceni si colloca la tela firmata da Giovanni Antonio Burrini che ritrae il conte Fabio Albergati, ambasciatore in Spagna, alla corte di Filippo II. Di grande pregio è anche la pala con la Madonna, il Bambino e i santi Carlo Borromeo e Francesco eseguita da Carlo Bononi: l’opera, proveniente dal mercato antiquario statunitense, è stata recuperata a Londra. Da un’asta in Barcellona proviene invece la grande tela con l’Adorazione dei Magi di Ercole Graziani, principale allievo di Donato Creti, autore di dipinti d’altare nella cattedrale di San Pietro a Bologna. La pala di Gaetano Gandolfi, per la prima volta esposta al pubblico e ignota agli studi, reca la firma dell’artista con la data 1783 e appartiene alla sua piena maturità; rappresenta San Petronio, protettore della città, con il modello simbolico delle torri svettanti accanto alla cupola della chiesa di San Bartolomeo, entro l’alta cinta delle mura.

Tra le acquisizioni moderne il dipinto Donne al tavolino di Massimo Campigli (1953) acquisito, a concretizzazione dell’impegno assunto dalla Fondazione Carisbo, attraverso lo stanziamento di un Fondo in collaborazione con Arte Fiera 2018.

Recentemente inserita nel contesto della mostra l’ultima acquisizione d’arte, effettuata dalla Fondazione all’asta del 15 maggio 2018 presso la Casa Pandolfini di Firenze. Si tratta di un grande cartone eseguito a tempera, illustrante la scena della trebbiatura, che viene ad aggiungersi ai sette cartoni che la Fondazione possiede dal 2007, tutti preparatori delle vaste pitture murali che l’artista toscano Galileo Chini, pittore, scenografo, ceramista, decoratore e grafico, realizzò negli anni 1940-1942 per il salone delle riunioni dell’allora Casa del Contadino a Bologna, oggi sede della Camera del Lavoro in via Marconi; celebrazione ultima del lavoro agricolo nell’inarrestabile processo di industrializzazione del paese.

 

Informazioni sulla mostra

“Nuovo fregio di gloria”.
Acquisizioni d’arte per la storia di Bologna (2016-2018)

a cura di Angelo Mazza

Sede
Casa Saraceni
via Farini, 15 – Bologna

Prorogata
Da martedì 3 luglio a domenica 29 luglio 2018

Ingresso gratuito

Orari di apertura
martedì – venerdì ore 15.30-18.30
sabato e domenica ore 10.30-18.30
lunedì chiuso

>>> Scarica il pieghevole della mostra in formato PDF

Condividi su: