Il Collegio di Indirizzo conferma i componenti Dott. Paolo Mengoli e Prof. Pietro Ricci

Il Collegio di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, nella riunione del 18 settembre 2018, ha confermato fino al 2020 quali componenti dell’Organo di Indirizzo il Dott. Paolo Mengoli, designato dall’Assemblea dei Soci, e il Prof. Pietro Ricci, designato dalla Curia Arcivescovile:

–    Dott. Paolo Mengoli, laureato in Scienze Matematiche presso l’Università degli Studi di Bologna e da oltre cinquant’anni impegnato nell’ambito del volontariato sociale, è coordinatore delle attività del Segretariato Sociale “Giorgio La Pira” della Confraternita della Misericordia in Bologna; Socio della Fondazione Carisbo dal 2012, è stato dal 2005 al 2013 Direttore della Caritas di Bologna su nomina del Card. Carlo Caffarra;

–    Prof. Pietro Ricci, laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna, dal 1999 è responsabile del Reparto di Medicina Interna della Casa di Cura “Madre Fortunata Toniolo” di Bologna; Socio della Fondazione Carisbo dal 2009, ha pubblicato lavori su riviste scientifiche e partecipato a numerosi congressi nazionali e internazionali.

Il Collegio di Indirizzo ha inoltre esaminato la bozza del Documento Programmatico Previsionale annuale 2019, predisposto – come prevede lo Statuto – dal Consiglio di Amministrazione.

«Il Documento Programmatico Previsionale 2019 – dichiara il Presidente della Fondazione Carisbo Dott. Carlo Montiprevede diverse novità che innovano in maniera profonda l’operato della Fondazione, sia in termini di progetti, sia di strumenti e di approccio agli stessi. È dunque per noi un documento decisamente importante e strategico, sul quale poggerà tutta la nostra attività istituzionale, organizzativa e di gestione del patrimonio, per cercare di essere sempre meglio preparati rispetto alle sfide che il prossimo futuro ci impone a partire dal nostro presente. Con le prime valutazioni del Consiglio di Amministrazione e oggi del Collegio di Indirizzo, si è quindi avviata l’articolata attività di governance che coinvolge tutti gli Organi della Fondazione, con la prossima espressione di parere dell’Assemblea dei Soci, prevedendo in conclusione la definitiva adozione del piano strategico alla fine del prossimo mese di ottobre, momento nel quale saremo lieti di presentarlo nella sua completezza, visto che ogni altra anticipazione sarebbe prematura.
Certamente ciò che il piano strategico vorrà cercare di riflettere – continua il Presidente Dott. Montisarà il nostro impegno quotidiano per: 1) innovare la capacità progettuale della Fondazione; 2) delineare in modo sempre più accurato, fin dall’origine, il perimetro degli interventi sulla base dei bisogni mappati; 3) ampliare il ventaglio degli strumenti disponibili e delle metodologie di azione; 4) sperimentare nuovi percorsi di progettualità mettendo a punto le esperienze maturate, la rete creata e in fase di continua costruzione con le altre fondazioni italiane e, possibilmente, europee; 5) promuovere e sostenere partnership di sistema secondo l’approccio tipico di una fondazione privata a base associativa, senza fine di lucro, con piena autonomia statutaria e gestionale, vocata all’organizzazione delle libertà sociali.
Un cammino ambizioso che abbiamo già intrapreso, e che continueremo a percorrere, potendo contare quotidianamente sulle professionalità e competenze di tutti coloro che a tutti i livelli operano e collaborano con la Fondazione».

 

 

Condividi su: