Convegno “Economia e società nel pensiero di Emilio Rubbi”

Si terrà martedì 16 luglio 2019 alle ore 12, presso la Sala dei Cento di Intesa Sanpaolo (via Farini, 22 – Bologna) il convegno promosso dalla Fondazione Carisbo Economia e società nel pensiero di Emilio Rubbi, con gli interventi del Presidente della Fondazione Carlo Monti, del Senatore e Presidente dell’Unione Interparlamentare Pier Ferdinando Casini e del Presidente Onorario della Fondazione Gianfranco Ragonesi.

Al convegno, con accesso riservato e ad invito, sarà presente il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Attraverso il pensiero di Emilio Rubbi, al di là di ogni appartenenza politica, saranno ripercorse le tappe fondamentali del suo impegno nella società, sempre proiettate al bene comune, riferimento di una generazione di persone che a vari livelli si sono impegnate a servizio e a favore della crescita della società del nostro Paese lungo il secondo Novecento.

Nato a Bologna nel ‘30, economista e figura di rilievo nel panorama politico bolognese e nazionale, Emilio Rubbi inizia il proprio impegno nel 1956, ricoprendo il ruolo di amministratore de l’Avvenire d’Italia e dell’Azione Cattolica nazionale. Nel 1970 entra nel Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna, nel 1976, 1979 e 1983 viene eletto alla Camera dei deputati e nel 1987 al Senato. Nel 1983 entra per la prima volta nel governo come Sottosegretario al Bilancio e, nel 1987 diventa Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Nel 1988 è Sottosegretario al Bilancio, nel 1989 ha la delega dei Servizi di Sicurezza, e fino al 1992 rimane come Sottosegretario al Tesoro. Scompare dopo una grave malattia nel 2005, all’epoca già Presidente della Cassa di Risparmio in Bologna.

Nei prestigiosi incarichi istituzionali e professionali, Emilio Rubbi ha sempre saputo coniugare un appassionato impegno civile ad una grande competenza professionale, rimanendo sempre ancorato a valori a lui sacri, quali il cattolicesimo, la famiglia, la solidarietà e distinguendosi per l’interesse sempre attento verso i bisogni concreti della comunità.

Condividi su: