“La comunità educante al servizio dei minori. Il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”

La Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna stanzia 1,8 milioni di euro per sostenere anche nel 2019 le attività del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, l’iniziativa nazionale frutto di un’intesa tra l’Acri – Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio Spa e il Governo, con la collaborazione del Forum Nazionale Terzo Settore, promossa con l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. L’operatività del Fondo è stata assegnata all’impresa sociale Con i Bambini.

Nel precedente triennio 2016-2018 di operatività, le Fondazioni di origine bancaria hanno alimentato con 360 milioni di euro il Fondo, che finora ha finanziato 271 progetti assegnando risorse per un totale di 213 milioni di euro che coinvolgeranno oltre 500 mila bambini e ragazzi, insieme alle loro famiglie, che vivono in condizioni di disagio, mettendo in rete 6.500 organizzazioni tra terzo settore, mondo della scuola, università ed altri enti. La Fondazione Carisbo ha complessivamente contributo con 5,3 milioni di euro (al lordo del credito di imposta).

Su quali saranno le prospettive future del Fondo è dedicata una tavola rotonda, aperta al pubblico, in programma il 21 febbraio 2019 alle ore 11 presso la Sala Assemblee di Casa Saraceni, sede della Fondazione Carisbo (via Farini, 15).

All’incontro parteciperanno (scarica l’invito):
On. Stefano Buffagni Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Presidente del Comitato di Indirizzo Strategico del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile
Giorgio Righetti Direttore Generale di Acri
Carlo Borgomeo Presidente dell’impresa sociale “Con i Bambini”
Federico Amico Portavoce del Forum Terzo Settore Emilia-Romagna
Stefano Versari Direttore Generale Ufficio scolastico per l’Emilia-Romagna

«In un contesto di deprivazione economica, la povertà educativa, che ne è diretta conseguenza, rischia a sua volta di divenire causa di nuova fragilità – dichiara il Presidente della Fondazione Carisbo, Carlo Monti, una sorta di spirale dalla quale è sempre più complicata l’individuazione della via di uscita. La sperimentazione vissuta nel triennio 2016-2018 è stata molto positiva. Il Fondo nasceva con un orizzonte triennale e non era né previsto, né quindi scontato, il suo rifinanziamento. Il fatto che il Governo abbia deciso di rifinanziarlo conferma la bontà dell’esperienza fatta, la priorità del tema su scala nazionale e l’importanza di una riposta corale».

«Attraverso un approccio fortemente innovativo il progetto chiama a raccolta l’intera comunità
– afferma il Segretario Generale della Fondazione, Alessio Fustini, dalle famiglie alle scuole, dalla società civile alle istituzioni, fino agli stessi minori: tutti sono coinvolti in questa grande iniziativa che, partita come sperimentazione, rappresenta oggi un riferimento e fonte di ispirazione anche sul piano della “buone pratiche” in cui, ad esempio, il sistema di valutazione di impatto degli interventi, attraverso processi pervasivi, strutturati, supportati da valutatori, diventa determinante per identificare le progettualità sulle quali puntare».

Sono in corso di valutazione le idee progettuali del quarto bando “Un passo avanti”. Idee Innovative per il contrasto alla povertà educativa minorile, nuova linea di intervento pensata da Con i Bambini per il sostegno di progetti, dal contenuto particolarmente innovativo che, coerentemente con l’obiettivo del Fondo, siano rivolti al contrasto della povertà educativa minorile nella fascia di età compresa tra 0 e 17 anni. Alla scadenza del 14 dicembre 2018 sono state 1.131 le idee pervenute (3% per la regione Emilia-Romagna con una dotazione finanziaria di circa 2,1 milioni di euro), tra cui verranno selezionate quelle da ammettere alla progettazione esecutiva.

Per ulteriori informazioni: www.conibambini.org

Condividi su: