1044 West 23th Street
Suite 721 New York NY 10010

I nuovi bandi di finanziamento per il primo semestre 2020

Entra nel vivo l’attività istituzionale della Fondazione Carisbo con la pubblicazione di 7 nuovi bandi di finanziamento nel primo semestre 2020 per complessivi 3 milioni di euro di risorse impegnate nei settori d’intervento Welfare e Sviluppo del territorio formazione e ricerca. Una disponibilità che, se l’effetto leva registrato nel 2019 venisse confermato, genererebbe sul territorio un impatto complessivo di oltre 8,5 milioni di euro.

Nell’attuazione delle linee strategiche di intervento, già varate nel Documento Programmatico 2020, la Fondazione opera con una gamma di strumenti ampia e calibrata in funzione degli obiettivi, articolando la propria attività erogativa in diversi mezzi e canali, tra cui anzitutto i bandi di finanziamento. In particolare, l’investimento della Fondazione per il territorio metropolitano di Bologna non si esaurisce nella sola erogazione contingente di risorse economiche, a sostegno di specifiche progettualità, ma prosegue nella prospettiva di sostenibilità, attraverso azioni dirette a rafforzare le capacità e le competenze dei soggetti coinvolti, sostenendone la formazione per renderli attori sempre più consapevoli, gestionalmente strutturati, capaci di innovare e sperimentare.


I NUOVI BANDI DEL PRIMO SEMESTRE 2020

Accessibili dal 15 gennaio al 15 marzo 2020 nella sezione dedicata sul sito, con esito dell’iter valutativo previsto entro il mese di giugno, i nuovi bandi si concentrano su alcuni temi e criteri cardine introdotti nel Documento Programmatico 2020 della Fondazione Carisbo:

● mettere a sistema progetti e iniziative già realizzati con le progettualità future;

● stimolare interventi trasversali ai tradizionali settori di intervento, in modo da affrontare tematiche strategiche con una pluralità di strumenti e azioni;

● sostenere la nascita e il consolidamento di reti territoriali in grado di attuare una gestione dei progetti che contempli la partecipazione di più soggetti (tra cui la Pubblica Amministrazione e altri soggetti del mondo del non profit);

● sviluppare attività in collaborazione con altre fondazioni e organizzazioni, attivando opportune sinergie e ricercando ricadute in una più ampia area territoriale;

● ricercare un effetto leva dei propri contributi, affinché le erogazioni possano sempre più stimolare e generare attrazione di altre risorse;

● ottimizzare le azioni di assistenza alle categorie sociali fragili, soprattutto in considerazione delle recenti dinamiche socio-demografiche causa di nuove emergenze collettive (in particolare povertà abitativa, difficoltà di accesso all’assistenza, violenza contro il genere femminile);

● preservare e valorizzare il patrimonio storico-culturale locale, con particolare riguardo alle future generazioni per alimentarne la consapevolezza sia del loro ruolo di fruitori sia di promotori del comparto;

● sostenere interventi di rigenerazione urbana, riqualificando ampie aree e immobili per rilanciare il tessuto sociale, culturale e potenziare l’economia locale;

● potenziare misure e iniziative che agevolino il trasferimento tecnologico fra centri di ricerca e sistema delle imprese, al fine di favorire lo sviluppo economico locale;

● accompagnare e sostenere l’educazione scolastica, dalla prima infanzia fino all’inserimento professionale;

● offrire un supporto per l’inserimento nel mondo del lavoro, con particolare attenzione al sostegno all’imprenditorialità giovanile.


Area Welfare
| Settore Volontariato, filantropia e beneficenza

Servizi alla persona

● bando Infanzia | 15 gennaio – 15 marzo 2020 | 0,25 milioni di euro.
Per la prima volta introdotto con l’obiettivo di offrire un contributo alle famiglie mediante l’ampliamento dei servizi educativi e didattici rivolti ai bambini nella fascia d’età 0-6 anni, e tramite la fornitura di idonei sussidi ludico-formativi, inclusi gli arredi anche per esterno, da collocarsi presso le strutture che accolgono i bambini (fascia 0-6 anni). Con particolare riferimento alla didattica si intende favorire azioni di sistema di più soggetti del territorio metropolitano (pubblici e privati) per rispondere alle nuove esigenze educative: progetti volti allo sviluppo nelle aree cognitive, linguistiche, motorie e socio-emotive; progetti che mirano a formare, educare e integrare bambini con disabilità; progetti che mirano a formare e integrare bambini svantaggiati; progetti che prevedono forme di integrazione tra prima infanzia e terza età;

● bando Mai soli | 15 gennaio – 15 marzo 2020 | 0,3 milioni di euro.
Promosso per il secondo anno consecutivo con l’obiettivo di facilitare soluzioni, efficaci e sostenibili, che favoriscano l’integrazione sociale, lo sviluppo delle autonomie e delle abilità personali, la valorizzazione delle capacità residue di persone diversamente abili o svantaggiate, in tutti gli ambiti in cui si articola la vita quotidiana: dai programmi di avvicinamento all’autonomia abitativa e di preparazione alla vita indipendente (“dopo di noi”), alle attività ludico-ricreative;

● bando Nuove età | 15 gennaio – 15 marzo 2020 | 0,4 milioni di euro.
Avviato nel 2019, prevede una nuova edizione per dare continuità ad un ambito che ha registrato particolare attenzione e una significativa concentrazione di progettualità, in relazione ai bisogni diffusi delle persone anziane e alle problematiche derivanti dall’avanzare dell’età, specie quando gli effetti dell’invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socio-economico. Saranno quindi confermate le misure già sperimentate per valorizzare e potenziare il benessere complessivo delle persone anziane, delle loro famiglie e comunità di appartenenza, promuovendo sia azioni contro l’isolamento sociale, il decadimento fisico e cognitivo, sia interventi di assistenza e supporto agli anziani in condizione di fragilità, con attenzione particolare alle persone sole e ai loro caregivers.

Inclusione sociale

● bando Per le emergenze | dal 15 gennaio 2020 | 0,15 milioni di euro.
Sessione erogativa sempre accessibile entro il termine del 31 dicembre 2020, fino ad esaurimento del budget dedicato, per dare risposta ad azioni che richiedono interventi immediati ma di dimensione economica ridotta. Obiettivo del bando è fornire un sostegno economico, immediato e nel limite massimo di 10.000 euro, a quelle organizzazioni non profit occupate nei servizi alla persona che, a causa di fatti imprevisti o di eventi eccezionali, non sono più in grado di rispondere ai bisogni urgenti del territorio e dei soggetti beneficiari;

● bando Welfare di comunità e generativo | 15 gennaio – 15 marzo 2020 | 0,8 milioni di euro.
Rappresenta l’evoluzione del precedente bando attivato nel biennio 2018/2019 e prevede due linee principali di intervento: da un lato, per sollecitare progetti orientati al contrasto alla povertà e al miglioramento della qualità della vita tramite la messa a disposizione di beni di prossimità, intesi come mezzi che soddisfano i bisogni primari grazie all’attivazione di reti sul territorio dell’area metropolitana di Bologna; dall’altro, per fornire supporto al servizio organizzato e continuativo reso a favore di persone indigenti.


Area Sviluppo del Territorio, formazione e ricerca
| Settori Educazione, istruzione e formazione e Ricerca scientifica e tecnologica

Valorizzazione delle competenze e del capitale umano

● bando Innovazione scolastica | 15 gennaio – 15 marzo 2020 | 0,6 milioni di euro.
In continuità con i programmi promossi nel biennio 2018/2019, si rinnova la collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna con l’intento di incentivare l’ammodernamento degli istituti scolastici primari e secondari, statali e paritari, aventi sedi sede nell’area metropolitana di Bologna, per migliorarne le dotazioni didattiche disponibili e innovare i percorsi formativi e di orientamento, al fine di prevenire problematiche giovanili quali disagio sociale, integrazione e abbandono scolastico.

Ricerca e sviluppo

● bando Alta tecnologia | 15 gennaio – 15 marzo 2020 | 0,5 milioni di euro.
Promosso per la prima volta per sostenere e facilitare l’acquisto di grandi attrezzature scientifiche, in particolare mediche, con l’obiettivo di innalzare il livello di innovazione tecnologica dei centri di ricerca dell’area metropolitana di Bologna e di incoraggiarne la competitività a livello nazionale ed internazionale. Il bando si rivolge ad organismi pubblici, anche con sede legale oltre l’ambito locale, i cui progetti si realizzino nel territorio metropolitano di Bologna e possano prevedere l’utilizzo condiviso tra diverse unità.

I nuovi bandi rappresentano iniziative della Fondazione elaborate attraverso l’individuazione di priorità su temi sia di portata generale, quando i bisogni sono trasversali e diffusi, sia di portata specifica, quando l’azione è volta a insistere su un segmento specifico del bisogno al quale si risponde mediante formulazione di un programma di intervento anche pluriennale.

Ogni bando ha uno specifico regolamento che disciplina le modalità di presentazione dei progetti, i criteri di valutazione e le procedure operative per l’accesso e la partecipazione al bando stesso.
La Fondazione intende così sollecitare verso obiettivi predefiniti l’elaborazione di progetti, consentire una valutazione comparativa delle proposte, promuovere programmi di diretta emanazione.

Per meglio comprendere l’andamento dei progetti nel tempo e il beneficio creato per i cittadini e il territorio, la Fondazione svilupperà fianco a fianco con i partner selezionati un’attività di monitoraggio e valutazione impatto delle iniziative sostenute, allo scopo di accompagnare le organizzazioni beneficiarie verso la consapevolezza e capacità di far emergere il valore del proprio operato, dal punto di vista sia economico (attraverso la rendicontazione economico-finanziaria) che sociale (attraverso la rendicontazione sociale).

Share