Il sostegno alle startup tecnologiche con l’investimento in Barcamper Ventures

Con l’ingresso in Barcamper Ventures e un investimento di 500.000 euro si avvia il sostegno alle startup tecnologiche, operazione “mission related” in cui la Fondazione Carisbo interverrà come co-investitore a supporto di percorsi di crescita e sviluppo imprenditoriale in grado di generare impatti positivi in termini economici, occupazionali e sociali sul territorio.

È attraverso la ricerca di nuove modalità operative che la Fondazione si appresta a aggiornare il proprio approccio strategico e propulsivo: da sostenitore, che mette cioè a disposizione risorse economiche per la realizzazione di progetti, la Fondazione assume sempre più un ruolo di facilitatore di opportunità ed esperienze sul campo per l’accrescimento delle competenze e lo sviluppo del territorio. Con questo indirizzo, la Fondazione ha completato la prima operazione dell’anno varata dal Consiglio di Amministrazione con l’ingresso in Barcamper Ventures destinando allo scopo un investimento di 500 mila euro.

«Barcamper Ventures – spiega il Segretario Generale Alessio Fustini è un fondo comune di investimento istituito da Primomiglio SGR con l’obiettivo di investire in startup tecnologiche ad alto potenziale, selezionate mediante un processo di accelerazione che mira a industrializzare il “seed capital”, con una attenzione particolare al territorio rappresentato dall’area metropolitana di Bologna».

Barcamper ha coinvolto in Emilia-Romagna oltre 730 startup che hanno potuto proporre nuove attività innovative all’interno del progetto Barcamper Garage, percorso di accelerazione delle startup che nella sola Bologna ne ha selezionate 19 (tra le oltre 300) per un percorso di “mentoring”, consulenza e fundraising, e finanziate 7 per sviluppare la propria attività. L’investimento della Fondazione si va ad inserire in un ampio contesto di cooperazione nel progetto che vede coinvolto il fondo Barcamper Ventures, nella sola Emilia-Romagna, con 2,2 milioni di euro di investimenti e oltre 2,8 milioni generati da co-investitori.

Condividi su: